Piano ispettivo del Garante della privacy per il secondo semestre 2017

Il Garante privacy ha varato il piano di accertamenti ispettivi, svolto a mezzo di personale proprio e della Guardia di finanza (nucleo speciale privacy), per il secondo semestre 2017. Mentre nel settore privato gli accertamenti saranno rivolti alle società che organizzano concorsi a premi e alle società di ricerca e selezione del personale, nel settore pubblico i controlli riguarderanno i trattamenti:

– effettuati dalle Asl in base a richieste provenienti da aziende e società multinazionali operanti nel settore farmaceutico e sanitario;

– volti al rilascio dell’identità digitale ai cittadini italiani;

– compiuti dai call center (in particolare quelli situati in Albania);

– relativi al sistema informativo dell’Istat,

– eseguiti per il rilascio dei visti da parte dei Consolati italiani all’estero.

L’attività ispettiva, da prassi, riguarderà anche le istruttorie: avviate su segnalazione, reclamo o ricorso dei cittadini, la verifica dell’obbligo di notificazione, il rispetto delle norme sull’informativa e il consenso, l’adozione delle misure di sicurezza a protezione dei dati sensibili.

L’attività di accertamento svolta nel primo semestre 2017 ha fatto riscuotere all’erario 1 milione e 700 mila euro; ha consentito di contestare 300 sanzioni ed effettuare 20 segnalazioni all’Autorità giudiziaria per violazioni penali (in maggior parte relative a inosservanza dei provvedimenti del Garante, mancata adozione delle misure minime di sicurezza, violazioni connesse al controllo a distanza dei lavoratori).

Gli accertamenti nel settore privato si sono incentrati principalmente sui trattamenti di dati effettuati da: società che operano nel settore dell’intermediazione creditizia o finanziaria; società di recupero crediti; aziende che offrono servizi di vendita a domicilio o servizi di informazione commerciale; imprese che operano nel settore della sharing economy; centri odontoiatrici; società che si occupano di marketing telefonico.

Gli accertamenti del settore pubblico, invece, hanno riguardato il sistema della fiscalità, con speciale riguardo alle misure di sicurezza e al sistema degli audit.