Nota integrativa e individuazione benefici

Gentili clienti,

le imprese hanno l’obbligo di indicare, nella Nota Integrativa facente parte del bilancio, le sovvenzioni, i contributi, gli incarichi retribuiti e i vantaggi economici di qualunque genere ricevuti dalla Pubblica Amministrazione e società partecipate direttamente o indirettamente dalla stessa. La norma è a regime e si applica a partire dai bilanci approvati in riferimento all’esercizio 2018.

La disposizione non individua in modo puntuale la tipologia dei benefici a cui dare pubblicità e utilizza una definizione molto generica che si presta potenzialmente ad una lettura molto ampia.

È, inoltre, prevista quale sanzione la restituzione dei benefici.

In considerazione della complessità della richiesta e della rilevanza della sanzione, abbiamo attivato un confronto e un approfondimento inter-area, al fine di fornire un aiuto il più possibile puntuale nell’individuazione dei “benefici” rilevanti.

Tale attività di approfondimento è stata finalizzata a fornire uno strumento di carattere procedurale che possa assistere il settore paghe/legislazione del lavoro nell’individuare i benefici da comunicare ai referenti fiscali interni o agli studi di consulenza esterni che assistono l’azienda nella redazione della Nota Integrativa.

In particolare, sono state individuate le tipologie di benefici contributivi che le imprese possono avere fruito le denunce Uniemens presentate all’INPS. A tale proposito, si evidenzia che i benefici individuati non possono essere esaustivi di tutte le casistiche possibili, ma possono comunque costituire un supporto per effettuare una ricognizione dei benefici più ricorrenti.

Sixtema si sta attivando per rendere disponibile entro la serata di Venerdì 12 Aprile un report nell’applicativo Stampe Multiaziendali, che evidenzierà, per ogni impresa le seguenti informazioni:

  • Le somme conguagliate in Uniemens a titolo di incentivo, dettagliate per specifica causale, sia nell’elemento <Incentivo> che in altri elementi a credito della denuncia;
  • La presenza di determinati Tipi di Contribuzione che identificano rapporti di lavoro per i quali viene riconosciuto un beneficio economico. Per tale casistica, la procedura non detiene l’importo del beneficio riconosciuto, ossia la differenza tra la contribuzione piena e quella ridotta dovuta (es. apprendisti con sgravio totale; sgravio 50% per sostituzione maternità ecc.).

I dati verranno evidenziati separatamente per i seguenti tre periodi, al fine di agevolare l’individuazione di quanto effettivamente beneficiato nell’esercizio 2018, tenendo conto del criterio di cassa previsto dalla norma:

  • Dicembre 2017
  • Gennaio – Novembre 2018
  • Dicembre 2018